opinione

I difensori del maxi-resort escono dall’ombra

Posted On febbraio 3, 2020 at 5:25 pm by / Commenti disabilitati su I difensori del maxi-resort escono dall’ombra

Dopo un anno e mezzo di negazionismo, i difensori del maxi-resort si stanno finalmente scoprendo: sono favorevoli a trasformare Monte Brè in una stazione montano-balneare per multimilionari stranieri.

Siamo molto soddisfatti di questa franchezza appena ritrovata. Infatti, dal settembre 2018, le uniche critiche che avevamo sentito erano: “non c’è un progetto”, “vi state agitando per niente”, “siamo in attesa di una domanda di concessione edilizia”, “la documentazione che pubblicate non esiste, vogliono solo ristrutturare l’hotel a 3 stelle”, ecc. In risposta, abbiamo definito i critici nei nostri confronti come “apostoli dell’apatia”, e li abbiamo descritti come lo struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia. Senza molte soddisfazioni, però, perché era impossibile discutere la sostanza con gli interlocutori che negavano la realtà di ciò che avevano davanti al naso.

Tutto questo è cambiato il 21 gennaio, dopo la serata-fiasco dei promotori al Palacinema di Locarno. In effetti, è diventato impossibile negare ciò che i promotori stessi stanno ora affermando.

Naturalmente, avremmo apprezzato una sorta di mea culpa. Qualcosa del tipo “avevi ragione, quello che avete detto per 18 mesi è corretto e ora verificato, abbiamo sbagliato a dubitarne”. Aggiungano pure che sono a favore del progetto, ma ammettano almeno la realtà di ciò che andiamo affermando da molto tempo. Ci consoliamo con il fatto che questa ammissione rimane comunque implicita. Almeno il confronto di idee può ora avvenire. Questo è molto positivo perché è congruente con la democrazia. Questo dialogo è essenziale perché la revisione del Piano Regolatore dovrà confluire in un consenso.

Rispettiamo l’opinione dei nostri avversari, anche se non esitiamo a dire che si sbagliano. Vogliamo decisamente rimanere nell’ambito della discussione delle idee e non delle persone, per questo cerchiamo di non personalizzare il dibattito.

Diamo perciò un’occhiata alla sostanza degli argomenti.

Mummificazione del passato

Un primo argomento circolato negli ultimi giorni è che noi staremmo cercando di “mummificare il passato”. In breve, il maxi-resort rappresenterebbe un progresso, e noi saremmo principalmente dei reazionari contrari a qualsiasi cambiamento. Si tratta di giocare sulla caricatura dei sempliciotti che, armati di falci e forconi e balbettando incoerentemente, si oppongono alla modernità.

Questa è ovviamente una scorciatoia fallace. Seguendo questo ragionamento, tutto si potrebbe giustificare. Costruiamo una centrale nucleare a Monte Brè, perché no? Porta denaro, e questo è tutto ciò che conta, quindi qual è il problema? Chi siete voi, voi che volete mummificare il passato e opporvi a un’ambizione così magnifica?

La Spagna è stata vittima di molti argomenti del genere: basta andare a vedere cosa è successo nella Costa del Sol. Anche per la Cina basterebbe ricordare le numerose città-fantasma. Gli Stati Uniti hanno visto la bolla speculativa generata dai famosi visionari trasformarsi nella catastrofica crisi dei subprime. I campioni di questo tipo di ragionamento sono miopi e pronti a giustificare tutti gli eccessi, per la serie “Après moi le déluge!”. Dietro a questi ragionamenti vi è una cinica logica secondo cui, caso mai questi eccessi avventurosi dovessero generare dei problemi, lo Stato li risolverà (a spese del cittadino, naturalmente).

L’assurdo è che tali argomentazioni sono spesso proposte da persone che credono di appartenere a una scuola di pensiero liberale. Questo è grave perché ignorano la responsabilità della pianificazione economica centrale, dimenticano che una politica monetaria di distruzione degli investimenti e dei risparmi a favore del debito e dei consumi crea bolle speculative. Quando queste bolle colpiscono i beni immobili, il danno trasversale è quasi irreversibile. È responsabilità dei cittadini onesti e istruiti comprendere questo fenomeno e cercare di arginarne i sintomi, ove possibile.

Costruire un maxi-resort in un paradiso naturale come il Monte Brè è un’idea degna del terzo mondo. Una scelta analoga ai duomi refrigerati, costruiti per sciare in estate e in mezzo al deserto. È un classico esempio di “malinvestimento”. Non rappresenta il progresso, ma al contrario la decadenza e la barbarie.

“Mummificare il passato” significa proprio tollerare questo tipo di eccessi, che purtroppo hanno prevalso negli ultimi decenni. Abbiamo cambiato il mondo, signori! La megalomania, lo spreco, il consumo eccessivo e il debito sono stati i segni distintivi della generazione trascorsa, non di quella presente!

Fortunatamente, la maggior parte delle persone, giovani e anziani, sanno ancora riconoscere dove si trovano la verità, la giustizia e la bellezza. Capiscono che siamo in una bolla senza precedenti. Vedono che il Ticino ha costruito troppo, e che il tasso di immobili vacanti è già più alto di quello della vigilia dell’ultimo crollo. A loro preoccupa il fatto che questo maxi-resort sarebbe inesorabilmente destinato alla rovina, se malauguratamente dovesse venire realizzato. Sanno che questa politica monetaria irresponsabile non può durare e ne identificano correttamente i sintomi. Soprattutto, sono troppo saggi per essere convinti da argomenti semplicistici e demagogici.

Passiamo quindi agli altri argomenti avanzati dai sostenitori del maxi-resort.

Monte Brè è morto, il maxi-resort lo rianimerà

Ecco un altro ragionamento che abbiamo incontrato di recente. Alla rinfusa, ci viene detto che la piscina sarà accessibile a tutti, che il progetto riporterà in vita le case abbandonate di Brè, e che comunque, a Monte Brè, non c’è niente da proteggere!

Tra le altre idee espresse in modo più o meno coerente, ecco l’accusa che viene per lo più mantenuta:

I sostenitori di Salva Monte Brè hanno trasformato la presentazione [del 21 gennaio al Palacinema] in una sorta di manifestazione di contrari. Si è assisto a degli attacchi a senso unico al limite dell’assurdo, con domande come “chi sono gli investitori?”, “perché non parlate italiano?” […] e ancora “come mi recherò al lavoro”. A mio parere, chi era presente all’incontro non è venuto per informarsi e chiarire dubbi relativi al progetto commerciale, bensì per fomentare polemiche, appoggiandosi su stereotipi e pregiudizi spesso infondati.

Tutti coloro che erano presenti sanno che è categoricamente falso. Nessuno ha interrotto la presentazione. Le domande sono state poste solo quando se ne è data l’opportunità. Sono state sollevate molte domande perfettamente legittime e i promotori si sono rifiutati di rispondere. La questione del prezzo al metro quadro, per esempio, o cosa intendono fare con la seconda metà del terreno che stanno acquistando, o come la gente potrà andare al lavoro quando le decine di transiti giornalieri dei camion potrebbero renderlo difficile. Considerare questi temi come “al limite dell’assurdo” è una forma di disprezzo sulla quale non vale la pena di disquisire ulteriormente.

Per fortuna avevamo previsto questo tipo di posizione, e abbiamo registrato l’intera serata. Potete così decidere da soli se il pubblico presente ha rispettato il tempo di parola dei promotori e ha posto domande “al limite dell’assurdo”. Ecco il video dell’evento.

Se si eliminano le falsità e le accuse oltraggiose, emergono alcuni argomenti coerenti. Principalmente, si tratta di questo: A Monte Brè manca attualmente la vita, e il maxi-resort darebbe vita al quartiere, creando nuovi spazi per la popolazione come una panetteria, bar e ristoranti.

Per commentare questa affermazione, dobbiamo iniziare riconoscendo che il Monte Brè ha visto giorni migliori. Dal fallimento del piccolo albergo, la popolazione della zona manca di un luogo comune (e di infrastrutture) per incontrarsi. Va notato che il fallimento dell’albergo non è stato dovuto a una mancanza di domanda, ma a una gestione disastrosa; e che l’ex finanziatore dello stabile (che è stata una delle prime persone ad aver avuto a che fare con il famoso “principe”) ha difeso il maxi-resort corpo e anima fin dall’inizio. Se si parla di degrado, allora un ragionamento deve anche essere dedicato alle case e ai fondi acquistati e lasciati in stato di totale abbandono. Perché questo stato di cose? È dovuto alle caratteristiche intrinseche del Monte Brè, o al fatto che gli speculatori hanno acquistato metà del quartiere per raderlo al suolo, lasciando gli elementi per fare un po’ di lavoro nel frattempo?

Si pone ovviamente una domanda all’apparenza retorica ai neo-ritrovati fautori del progetto. La domanda è questa: “I promotori e i loro ambasciatori hanno danneggiato la qualità della vita degli abitanti del quartiere, quindi voi trovate coerente che ora risolvano il problema che loro stessi hanno causato?”.

Ma no, non è così che funziona. È come sentire le istituzioni che ordiscono le guerre nel mondo impartire lezioni ai popoli e accusarli di essere loro i responsabili dello stato del pianeta. Questo tipo di dialettica hegeliana appartiene al passato, la gente è ormai troppo ben informata e non la si può più prendere facilmente per i fondelli. È assolutamente ovvio che il maxi-resort renderebbe la situazione ancora peggiore! Chi può mai credere che la popolazione locale condividerà l’infrastruttura di una clientela che paga 25.000 franchi al metro quadro? Chi afferma ciò, o è ingenuo o è in malafede, non c’è via di scampo.

Un contro-progetto

Al di là di tutto questo, c’è una critica che accettiamo. È la critica che, per il momento, non abbiamo proposto alcuna alternativa. È vero, per il momento la nostra lotta si è limitata a smascherare e a prevenire la megalomania e la distruzione.

Ciò non significa, tuttavia, che siamo a corto di idee. Al contrario, la nostra associazione ne ha discusso fin dall’inizio. Ci consultiamo (e continueremo a farlo) con attori locali che hanno anche una voce: consiglieri comunali, organizzazioni ambientaliste, associazioni di quartiere, patriziati, borghesi, etc.

Cosa aspettiamo a proporre qualcosa?

È molto semplice, aspettavamo che la realtà del progetto fosse riconosciuta da tutti. Questo è stato fatto. Entro pochi giorni, la domanda di concessione edilizia sarà presentata e verrà molto indubbiamente respinta in ossequio al periodo di evasione della Zona di Pianificazione. Questa sarà quindi un’opportunità per esprimere un’alternativa, basata su un solido investimento, sulla conservazione del patrimonio socio-culturale e sullo sviluppo sostenibile.

Faremo ancora meglio di così: ci avvicineremo ai promotori e chiederemo loro di prendere atto della realtà e di accettare questa alternativa. Daremo loro la possibilità di lasciare il Ticino riducendo le loro perdite. Hanno fatto una scommessa, che hanno perso, ma si può rinegoziare senza rancore.

Nel frattempo, ripetiamo a tutti coloro che si identificano con la nostra causa: voi siete dalla parte della civiltà e del progresso; voi avete la superiorità intellettuale e morale. L’ora della vittoria si avvicina, ma la festeggeremo solo quando il Monte Brè sarà salvato, quando le case saranno ripristinate e quando la vita (quella vera) sarà tornata in questa bella zona di montagna.


edit: A seguito di una richiesta scritta della signora Mariuccia Ongaro, abbiamo modificato questo articolo per trasformare “l’ex proprietaria dell’albergo” in “ex finanziatore dell’albergo”. Anche se, nel post originale, non abbiamo indicato alcun nome, e anche se il fondo 3254 era in comproprietà con la signora Ongaro al momento della vendita, lei non ritiene di essere stata proprietaria dello stabilimento. Sulla base della sua lettera in cui dichiara che ha finanziato lo stabilimento, abbiamo quindi modificato il nostro articolo per soddisfare il suo desiderio.